Uno degli argomenti che tratto spesso, insieme al babywearing, è l’allattamento al seno.

Per me sono due argomenti abbastanza collegati. È come se fossero due facce dello stesso nutrimento, dello stesso rapporto tra madre e figlio.

Oggi vorrei farti riflettere su alcuni di questi punti in comune e darti alcuni spunti per rendere il babywearing un alleato per l’avvio dell’allattamento al seno.

*Entrambi, babywearing e allattamento, sono fatti di equilibri, a volte precari ed è fondamentale flessibilità ed ascolto (della mamma e del bimbo) per portarli avanti.

*non prevedono tempi rigidi: i nostri tempi, non sono quelli del bambino. Il bambino, soprattutto all’inizio, vive per nutrirsi e per essere protetto. Non gli interessano le regolate tipo “stai massimo tot tempo per seno”o “mettilo nella culla se no si abitua” etc A lui interessa essere protetto dalla sua mamma e avere a disposizione il cibo. Non nasce con l’orologio. Quando comprendiamo questa cosa le tensioni iniziano a diminuire perché ci togliamo dalle spalle un po’ di responsabilità e possiamo vivere con più serenità sia l’allattamento che il portare

*Se ci sono delle problematiche oggettive (il bambino non cresce etc) è assolutamente normale allarmarsi e farsi vedere da una IBCLC, ossia da una ostetrica formata, da una consulente dell’allattamento o del portare, che ci possa aiutare e supportare. Ad esempio controllando l’attacco. Secondo me una consulenza di questo tipo dovrebbe passarlo l’ASL a tutte le neo-mamme, così come dovrebbe esserci la possibilità per tutte di conoscere il babywearing nel post parto, ma questo è un altro discorso.

*L’allattamento e il babywearing possono rafforzarsi a vicenda: il poter tenere il bambino vicino a noi rende più semplice la stimolazione del latte.
La vicinanza crea i presupposti anche ormonali (aumento della prolattina o dell’ossitocina ad es.) che aiutano l’allattamento

*All’inizio meglio non tenerlo troppo in fascia perché la troppa vicinanza potrebbe influenzare negativamente l’allattamento? Osserva il tuo bambino: se messo nella fascia dorme sempre e si dimentica di mangiare adotta altre strategie (non metterlo in fascia quando è molto che non mangia) Se invece non influisce (si sveglia per mangiare, ciuccia in maniera vigorosa, cresce senza problemi) non c’è nessun problema. L’ascolto e l’osservazione sono fondamentali.

Ecco alcuni spunti per sfruttare al meglio fascia e marsupio anche per quanto riguarda l’allattamento.

Se hai bisogno di un supporto scrivimi!